top of page

La riforma dello sport, il futuro dello sport


Riforma dello Sport

Simposio Università Statale di Milano organizzato da Oinp e dal Corso di Perfezionamento in diritto sportivo dell’Università con l’avvocato Fabio Iudica sulla riforma dello sport e il futuro dello sport.


Prosegue il ciclo di incontri sui territori organizzati con Oinp e le realtà territoriali universitarie dopo l’Insubria di Como e l’Ordine dei Consulenti del lavoro di Como e l’Università Sapienza di Roma alla Camera dei Deputati e in attesa dei prossimi incontri programmati per l’autunno.

Con il coordinamento dell’avvocato Fabio Iudica specializzato in diritto sportivo e responsabile del Corso di Perfezionamento alla Statale di Milano e della dottoressa Katia Arrighi, consulente del lavoro, giornalista e consigliere nazionale del Comitato Italiano paralimpico .


L’argomento è di scottante attualità, discusso in una giornata rovente milanese in uno degli atenei più prestigiosi d’Italia accanto a nomi di studiosi e studiose del diritto sportivo di rinnovata fama e conoscibilità.


Accanto agli organizzatori sono intervenute anche le maggiori rappresentanze politiche lombarde come la Sottosegretaria allo Sport Lara Magoni, campionessa di sci, e l’assessore all’Università Alessandro Fermi e importanti rappresentanze sportive come la vicepresidente nazionale del Coni Claudia Giordani, il presidente di Opes Juri Morico, il presidente di Uisp Tiziano Pesce, il presidente del Comitato Italiano Paralimpico Pierangelo Santelli e il rappresentante di Sport e Salute Stefano Gobbi.


Discutere di tematiche relative alla riforma permette di permeare nella mente di molti il cambiamento epocale che stiamo vivendo: lo sport non sarà più quello di prima inteso non come pratica sportiva ma come concetto dello sport stesso.


La dignità che deriva dal lavorare nello sport, la dignità che deriva dall’essere un operatore sportivo, la dignità che deriva dall’avere coscienza delle proprie capacità permetterà finalmente a molti di non vergognarsi nel dire “ vivo di sport”, evitando il sorriso malizioso di chi ha sempre considerato lo sport solo un gioco e un passatempo giocoso, non una vera fonte di sostentamento per la famiglia.


Spunti interessanti di riflessione posti dai presenti fra i quali quello di Stella Frascà, avvocato in Genova in tema di vincolo sportivo.


La riforma dello sport ha messo mano all’annosa questione del vincolo sportivo. La prima istituzione a contestarne la legittimità è stata l’Autorità Garante della concorrenza e del mercato che, a seguito di una denuncia del 2017, ha aperto un procedimento di infrazione contro la Fipav paventando l’ipotesi di abuso di posizione dominante e aprendo così il campo all’intervento legislativo che, in prima battuta, ne ha determinato la abolizione a decorrere dal 1 luglio 2023 per gli atleti e le atlete che avrebbero dovuto firmare il primo tesseramento pluriennale.




Il 22 giugno il decreto legge n. 75 ha riconosciuto per le fsn e dsa la possibilità di determinare un vincolo di tesseramento biennale per le società che svolgono attività sportiva dilettantistica. Una norma contestata dal mondo sportivo, in particolare del calcio, poiché sul vincolo è sempre dipeso il sistema dei premi di preparazione che ha garantito alle società sportive un sostegno economico che dava qualche certezza. La FIGC è intervenuta sul punto modificando le noif -norme organizzative interne alla federazione- cercando di mantenere una premialità anche laddove non vengano pienamente soddisfatti i requisiti indicati in origine dal decreto 36. Vedremo tra un paio di anni quali saranno le conseguenze di questa riforma.


Fra i relatori l’Avvocata Emanuela Mirela de Leo, l’Avvocata Simona Placiduccio, l’Avvocato Leandro Cantamessa, l’Avvocato Pierfilippo Capello, l’Avvocata Maria Laura Guardamagna, l’Avvocata Carlotta Toschi e l’Avvocato Paolo Rendina, accanto al giornalista Michele Damiani.







Fra qualche giorno metteremo on line l’intera registrazione dell’evento sulle pagine di Oinp www.oinp.it . Le interviste dei presenti andranno in onda sul canale televisivo Sky 814.

Comentarios


bottom of page