top of page

La Poesia è viva: sala gremita per il Premio Internazionale L. Vanvitelli

Premio Vanvitelli OINP

Ha riscosso grande partecipazione, con la sala gremita di più di un centinaio di persone, la Cerimonia di Premiazione del Premio Internazionale Luigi Vanvitelli, alla sua prima felice edizione.


Ospitata all'interno del Rettorato dell'Università della Campania Luigi Vanvitelli, che, assieme al Comune della città di Caserta e alla OINP (Osservatorio Italiano Enti No-Profit), ha patrocinato l'iniziativa dai suoi esordi, la Cerimonia ha visto protagonisti, assieme ai molti autori giunti da tutta Italia, figure di grande calibro istituzionale ed accademico, nonché associazioni, artisti e operatori culturali attivi sul territorio casertano.


I fondatori del Premio, la poeta Maria Pia Dell'Omo e il giornalista Antonio Dentice d'Accadia, sono stati felici ed onorati di accogliere Sua Eccellenza l'Avv. Antonio Maione, Console della Repubblica di Colombia, giunto per rappresentare l'eccellenza artistica ispano-americana che ha preso parte al concorso, con più di centottanta componimenti, e che ha visto sul podio della sezione “Sur” proprio la Colombia e l'Argentina.



Il ponte tra Italia e America Latina è stato reso possibile grazie alla collaborazione con il Centro Cultural Tina Modotti, fondato da Antonio Nazzaro, eccellenza italiana all'estero insignita del riconoscimento del Ministero della Cultura di Cuba nell'ambito della traduzione, Presidente della giuria della sezione “Sur”, che ha coinvolto al suo interno autori e accademici del mondo ispano-americano.


La giuria italiana, presieduta da Dell'Omo in tutte le sezioni, si articolava in: poesia a tema libero per adulti, a tema libero per ragazzi delle scuole, poesia sulle questioni di genere e poesia performativa, di cui Dell'Omo è tra le maggiori divulgatrici in Campania.


Uno dei momenti più intensi della cerimonia è stato proprio quello riservato alla poesia performativa, che ha visto giovani autori esibirsi avvalendosi di corpo e voce davanti una platea rapita e meravigliata delle possibilità espressive che questa forma d'arte offre all’espressione poetica. “Una emozione incredibile” dichiara Dell'Omo “dopo tanti anni di impegno sul territorio, portare la poesia performativa a pieno titolo e con tutti gli onori nel mondo accademico”.


Il rapporto con l'ateneo vanvitelliano è stato reso possibile grazie all'impegno e alla dedizione della Prof. Lucia Monaco, Delegata del Rettore per la Terza Missione, il quale ha favorevolmente accolto sin dal suo esordio l'iniziativa accordandovi il patrocinio dell'ateneo e ospitando la cerimonia nella prestigiosa sede del Rettorato.


La sezione dedicata alle questioni di genere, esplorate con un approccio intersezionale, ha visto, oltre l'autrice Mariastella Einsemberg, giudici ben tre docenti della Vanvitelli e ha reso possibile, su proposta di Dell'Omo, accolta dalle Prof. Cristina Pepe ed Elena Porciani, ospitare all'interno del “Laboratorio di Critica di Genere”, tenuto dalle stesse presso il Dipartimento di Lettere, la poesia vincitrice della sezione. Il primo premio della sezione è stato consegnato dalla Prof. Marianna Pignata, Delegata per le Pari Opportunità, mentre il secondo premio dalla giornalista, storica e attivista Nadia Verdile.


Tra i giudici di levatura accademica, anche il rinomato filosofo Prof. Giuseppe Limone.


Un altro illustre intellettuale di Terra di Lavoro, alla cui memoria è dedicato il premio, è il Prof. Angelo Calabrese, ricordato da Dentice, dall'artista casertana Claudia Mazzitelli e dal Presidente della OINP, Antonello Calabrese. Inoltre, è stato fatto dono ai vincitori della sezione giovani dei testi del compianto critico, per tramandare il suo lascito intellettuale alle nuove generazioni.



コメント


bottom of page